MULTIVERSO

Mondi interconnessi: porte che si aprono tra scienza e fantascienza, spiritualità e magia, fantasia e realtà.

DEBORA MONTANARI

Gli ultimi lavori, eventi, news. Biografia e foto per stampa e blogger. Contatti: info@deboramontanari.com

SF & FANTASY

Fantascienza, Fantasy, Horror, la Fiction nei film, nei libri e in tutti i lavori artistici. Da tutto il Mondo. Per tutte le età.

FILES DI CONFINE

Il punto di vista dell'autrice. Conferenze, progetti, articoli, ricerche: il lavoro di Debora al di fuori dei suoi libri.

"Sono spacciato di brutto.
Questa è la mia ponderata valutazione.
Spacciato.
"

Andy Weir

Questa non è soltanto fantascienza, è anche avventura! Energico, arguto, carico di suspance, un inno all’istinto di sopravvivenza cantato da un protagonista a dir poco straordinario. “L’Uomo di Marte” è una vera e propria bomba di profondità, l’esplosione non si esaurisce alla prima pagina ma si ripercuote lungo tutti i 26 capitoli.

Andy Weir con “L’Uomo di Marte”, suo romanzo di esordio, propone una trama verosimile legata alla possibilità di naufragi spaziali, al pericolo della discesa su altri pianeti, primo tra tutti - non solo nella fiction ma anche in un reale e non lontano futuro - Marte. La plausibilità è determinata soprattutto dalle conoscenze tecniche e delle dinamiche dei viaggi spaziali che lo scrittore sfoggia con naturalezza, rendendole parte della trama senza appesantirla. La lettura risulta chiara e leggera, ma anche molto coinvolgente e frizzante.

Quando aprite il libro e vi trovate di fronte a una mappa di Marte, capite già che siete sul punto di leggere qualcosa da paura. Poi si apre il primo capitolo, con un incipit che vi piglia per la collottola e a quel punto siete prigionieri. Vi avviso, questo libro non vi mollerà e a volte stringerà tanto da non farvi respirare, a volte vi darà dei forti scossoni, a volte vi permetterà di ridere, adesso che ci penso… ho appena descritto un viaggio sulle montagne russe.

È proprio questo: una montagna russa su Marte e voi ci viaggerete sopra insieme a Mark Watney. Adesso state pensando: questo Watney, visto che è un astronauta, non sarà troppo noioso, troppo rigido o troppo scientifico? State già immaginando un certo tedio ma, questo ve lo posso dire senza rivelare nulla, sbagliereste alla grande.

Non è possibile immaginare con che razza di protagonista avrete a che fare, né quale sarà l’evoluzione del suo destino di naufrago. Magari nelle prime pagine vi troverete un po’ spaesati - per forza, siete su Marte! - ma dopo il primo contatto con Mark Watney comincerete ad ambientarvi.

 Diventerà il vostro migliore amico, tiferete per lui e lui saprà contraccambiare il vostro sostegno facendovi divertire, tra intelligenza, ironia e una forza di volontà micidiale. E voi, in quella situazione, sareste imperterriti quanto lui? Perché lui, lassù, è solo, è prigioniero di un ambiente dove persino l’aria è sua nemica; perché la scelta di arrendersi, in quelle condizioni, è coraggiosa e comprensibile quanto quella di sopravvivere.

Questo libro ha un propulsore alimentato da sorpresa continua e non avete idea di che razza di spinta è capace di dare e fin dove è capace di portarvi.

Tre, due, uno, accensione... anzi… esplosione!

 

Titolo: L'Uomo di Marte
Autore: Andy Weir
Editore: Newton Compton Editori

Titolo originale: The Martian

Pagine: 379 (edizione con copertina rigida)

Immagini nell'articolo:

immagine 1: copertina italiana Newton Compton

immagine 2: Andy Weir, dal suo sito ufficiale

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva